Home / Salute / Cure e Rimedi Naturali / Depressione: Cure e rimedi naturali. Erba di San Giovanni, Curare la Depressione con le piante
Erba di San Giovanni (Hypericum perforatum). Author Emilian Robert Vicol. Licensed under the Creative Commons Attribution
Erba di San Giovanni (Hypericum perforatum). Author Emilian Robert Vicol

Depressione: Cure e rimedi naturali. Erba di San Giovanni, Curare la Depressione con le piante

In Germania è considerato il principale farmaco antidepressivo che prende il posto di quelli tradizionali offrendo gli stessi risultati, stiamo parlando dell’Erba di San Giovanni (Hypericum perforatum).

Si tratta di un rimedio naturale che non dà particolari effetti collaterali come per i farmaci da sintesi, consentendo di curare depressioni lievi e moderate, anche se in alcuni casi si è visto che agisce anche nelle forme più gravi. Prima di assumerlo è sempre buona abitudine parlarne con il proprio medico o con un esperto naturopata.

L’Erba di San Giovanni la vediamo crescere nei campi ed è una pianta caratterizzata da un fiore giallo contornato da bordi neri che nasce intorno al 24 giugno, festa appunto di San Giovanni.

L’uso che se ne può fare si riepiloga nei seguenti casi:

Esaurimento nervoso

Per crisi di panico

Disturbi del sonno

Aritmie cardiache

Di fronte a sindrome affettiva stagionale la mancanza di luce, di belle giornate, d’inverno influenzano notevolmente il nostro umore in modo negativo ) migliorando l’umore.

In genere, per vedere risultati positivi bisogna aspettare dalle 4 alle 8 settimane, ma spesso i primi risultati si vedono già nelle prime 2 settimane di assunzione.

EFFETTI COLLATERALI:

Viene considerato una medicina piuttosto sicura, anche se si possono manifestare effetti indesiderati come quelli gastrointestinali, allergie molto rare che svaniscono non appena si smette di prendere il prodotto stesso.

Ci sono, comunque, casi in cui si sconsiglia assolutamente l’uso, e questi sono:

In gravidanza.

In allattamento.

In concomitanza di altri farmaci, quindi è sempre prudente parlarne con il proprio medico prima di decidersi a prenderla.

Lascia un Commento

Close
Seguici su Facebook
Resta aggiornato con Famiglia e Salute
eXTReMe Tracker